Bastione delle ForchePrato

Lo studio del sistema di attraversamento e di raccordo con gli spazi pubblici esistenti si è basato, nella fase di impostazione, sulle indagini compiute fra il 1995 ed il 1996 per la stesura della proposta di restauro dell’intero complesso, mentre per l’affinamento esecutivo del progetto ci si è avvalsi delle ulteriori verfiche in situ rese possibili solo in seguito all’apertura del cantiere.

Photography & Project by Spira Srl Photography & Project by Spira Srl

La scoperta, nell’escavazione della trincea interna al bastione, di parti interrate non accertabili in precedenza ha reso infatti necessario, dopo un accurato rilievo delle murature rinvenute, l’adeguamento del progetto iniziale agli specifici quesiti conservativi e di valorizzazione dei resti messi in luce dallo scavo.

Photography & Project by Spira Srl Photography & Project by Spira Srl

La decisione di realizzare l’impalcato della rampa con una struttura in profilati in acciaio priva di appoggi a terra (in alternativa a quella già prevista in cordoli di calcestruzzo disposti longitudinalmente) è stata assunta a motivo della minore invasività e della maggiore reversibilità dell’intervento in vista di una eventuale prosecuzione dello scavo archeologico. La quota da raggiungere per la formazione del camminamento è stata determinata tenendo conto dei livelli delle due zone da collegare, l’una interna e l’altra esterna al bastione, e della doverosa salvaguardia delle preesistenze architettoniche. Il piano di calpestio all’interno del bastione, della larghezza di 2,40 metri, è stato realizzato con un assito in listoni di larice assicurati in tre punti, mediante dispositivi di ancoraggio metallici, all’impalcato sottostante.

Photography & Project by Spira Srl Photography & Project by Spira Srl

Photography & Project by Spira Srl Photography & Project by Spira Srl

Photography & Project by Spira Srl Photography & Project by Spira Srl

Informazioni aggiuntive

Accenni storici:
La creazione, all’interno del Bastione delle Forche, di un collegamento pedonale fra il parcheggio di superficie lungo viale Arcivescovo Martini e Piazza Mercatale si inquadra nel programma di recupero del baluardo mediceo avviato dal Comune dopo il 1992 con la liberazione del manufatto dagli eterogenei corpi di fabbrica sovrammessi alle strutture cinquecentesche.
Incarico:
Progettazione definitiva ed esecutiva opere architettoniche ed impianti elettrici, Direzione Lavori
Data:
2001/2005
Committenza:
Comune di Prato
Utilizziamo cookie tecnici e di profilazione (anche di terze parti) per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie; in alternativa, leggi l'Informativa Estesa e scopri come disabilitarli.